Voceditalia Top la Voce d'Italia - nuova edizione anno V n.51 del 2/20/2017 Privacy Policy
Voceditalia Top
Voceditalia Top
Logo Voce d'Italia
Voceditalia Top
Cultura
Foto Fausta Squatriti, Se Il mondo fosse quadro

Pittrice, Scultrice, Poetessa, Saggista

Fausta Squatriti, Se Il mondo fosse quadro

La citta' rende omaggio all'artista milanese nata nel 1941, con un progetto in tre mostre parallele

Fausta Squatriti, milanese, viene celebrata dalla sua città con tre mostre a cura di Elisabetta Longari, un filo rosso che connette le opere realizzate in diversi periodi dall’artista durante la sua articolata ricerca, a partire dal 1957 fino al 2017.

Alla Triennale di Milano, una selezione di venti opere ripercorre la ricerca dell’artista dai lavori di esordio – ancora sedicenne – fino ai recentissimi polittici polimaterici; alle Gallerie d’Italia – Piazza Scala, con la co-curatela di Francesco Tedeschi, prendendo spunto dalle opere di Fausta Squatriti nella collezione Intesa Sanpaolo, saranno esposte alcune grandi Sculture nere realizzate tra il 1972 e il 1985 e un nucleo di lavori degli anni ’80 mai esposti in Italia, a sintesi della sua ricerca sulla Fisiologia del quadrato; alla Nuova Galleria Morone, con la co-curatela di Susanne Capolongo, una ventina di sculture degli anni ‘60, anch’esse inedite in Italia, connotate da una vivace componente cromatica.

Pur non volendo essere una retrospettiva esauriente della vasta e differenziata ricerca condotta in oltre sessant’anni di lavoro, grazie ai suoi tre focus il progetto Se il mondo fosse quadro, saprei dove andare… permette di entrare in contatto con modalità e processi creativi di un’artista molto speciale, capace di intuizioni anticipatrici di successive tendenze e a suo agio nell’utilizzo, sempre profondo e originale, di molteplici linguaggi, dalle arti visive, alla poesia, alla narrazione fino alla saggistica.

Lo stesso titolo Se il mondo fosse quadro, saprei dove andare… è tratto da una poesia di Fausta Squatriti ed è sintesi del suo sistematico ispezionare il mondo della percezione e della riflessione, raggiungendo esiti decisamente atipici.

La mostra allestita nell’Impluvium della Triennale di Milano presenta le tappe fondamentali del percorso logico e poetico della Squatriti, a partire da due calligrammi di grandi dimensioni del 1957, tracciati con parole e segni da una Fausta sedicenne, nelle cui precoci scelte e interessi si delinea già la complessità che la sua ricerca affronterà negli anni a venire.

A soffitto, un “cielo”, dipinto nel 1966 con colori da affresco in chiave giocosa e caramellata, per restituire un volo (o una caduta?) ispirato a Giovanbattista Tiepolo, il cui senso dello spazio è qui rivisitato in modo da spezzare le figure rendendole inafferrabili in una superficie immateriale e colorata. Al centro del salone, una scultura di acciaio e lamina d’oro del 1972, un mazzo di frecce. Ma il clou è rappresentato dai lavori del nuovo millennio, trittici polimaterici e una grande scultura del 2008, tutti connotati dall’idea della morte e del dolore, in cui il linguaggio si avvale di oggetti recuperati dalla realtà e rivisitati nella loro forma di “resto”. Domina lo spazio, sia dal punto di vista scenografico che da quello del pathos, il grande Polittico dell’eclissi (2015).

Le Gallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo partecipano alla mostra monografica ospitando 15 opere dell’artista, due provenienti dalle collezioni della Banca (la scultura Aperto e l’opera In segno di natura: Islam verde), 13 dalla collezione personale di Fausta Squatriti selezionate dai due cicli di opere Fisiologia del quadrato e In segno di natura.

Di notevole impatto sono le tre grandi Sculture nere realizzate tra il 1972 e il 1985, esposte in mostra. Al centro della ricerca dell’artista sta la precarietà dell’equilibrio, attraverso inquietanti spostamenti di pesi e volumi. Negli anni ‘80, Fausta Squatriti si dedica all’indagine del rapporto tra la superficie e il volume, realizzando grandi dipinti – sia all’acquerello sia con altre tecniche – messi in relazione progettuale con piccoli cubi di marmo o ferro, ma anche con croci, stelle e altri sviluppi geometrici derivati dalle misure delle forme geometriche dipinte.

A partire dalle opere appartenenti al ciclo Fisiologia del quadrato, realizzate tra il 1985 e il 1986, viene definita l’idea di un progetto razionale, in cui la geometria e l’aritmetica sono usate in un insolito ruolo, quello di dimostrare il valore dell’assurdo. Le sculture e dipinti generano enigmi complessi nei quali, con forme elementari composte sul piano, si vanno sviluppando ipotesi di crescita e di trasformazione attraverso le equivalenze tra pieno e vuoto, a significare che ogni possibile costruzione ha un destino imprevedibile.

Le Gallerie d’Italia dedicano inoltre un omaggio all’impegno letterario di Fausta Squatriti con la lettura del monologo Benvenuti!! (istruzioni per l’uso), costruito sul filo dell’ironia, messo in scena per l’occasione dall’attore e autore teatrale francese di origine italiana Alberto Lombardo. In scena, il solo attore con una vecchia valigia racconta le istruzioni per l’uso che l’autrice ha scritto a una coppia di giovani amici ai quali presta il proprio appartamentino a Parigi per aiutarli a orientarsi nel loro primo viaggio all’estero. La performance si svolgerà giovedì 23 febbraio, alle ore 19.00.

Infine, negli spazi della Nuova Galleria Morone vengono presentate una ventina di sculture degli anni ‘60, anch’esse inedite in Italia, connotate da una vivace componente cromatica: forme elementari, cubi, piramidi, coni, parallelepipedi, in plexiglas, acciaio speculare, o laccato, o in ferro ossidato. Volumi tagliati, spostati, messi in disequilibrio, ma anche corrotti da sovrapposizioni, escrescenze, figure improprie che mettono in dubbio la semplicità e la purezza delle forme cui si aggrappano. Un ragionamento critico sulla precarietà, che mette in allarme riguardo all’entusiastica posizione condivisa in quegli anni a proposito di un incipiente mondo tecnologico.

Fausta Squatriti
Se il mondo fosse quadro, saprei dove andare…
Triennale di Milano, fino al 5 marzo 2017
Gallerie d’Italia, fino al 2 aprile 2017
Nuova Galleria Morone, fino al 2 aprile 2017

Lettura scenica del monologo di Fausta Squatriti Benvenuti!! (istruzioni per l’uso)
a cura di Alberto Lombardo
Gallerie d’Italia
giovedì 23 febbraio 2017, ore 19.00


Federica Sala
13/2/2017








Commenti a questo articolo (0)


Nessun commento attualmente inserito

Commenta questo articolo

Nome:
E-mail:
Titolo:
Commento:


Condizioni del servizio e Informativa
ex art. 13 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Scaricala in PDF)
              Accetto - Non accetto       

Note:
-Si prega di inserire solo commenti riguardanti l'argomento dell'articolo.
-E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.






Youtube TVoce


«"La Voce d'Italia" Il 1° quotidiano indipendente online fondato e diretto da Marco Marsili. Vicedirettore Anna Belardi. Caporedattore centrale Daniele Orlandi. Responsabile TVoce Jonathan Minimo . Editore e proprietario: Elimar Srl, via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy - CF/P. IVA 06355480960 - REA MI 1886850. Direzione, redazione e luogo di stampa: via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy. Iscr. Tribunale di Milano n. 215 del 28.3.2006. Contatti: - Advertising: - tel. 0239620017-0287156229 fax 0270030075. Anno VII Copyright © 2007/2014 Elimar Srl. Responsabile trattamento dei dati (D.Lgs. 196/2003): il direttore responsabile pro tempore. Tutti i diritti sono riservati sensi della normativa vigente (lda 633/41). La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo, di tutto il materiale originale contenuto in questo sito (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i testi, le immagini, le elaborazioni grafiche, i video) è espressamente vietata in assenza di autorizzazione scritta.