Voceditalia Top la Voce d'Italia - nuova edizione anno V n.51 del 2/20/2017 Privacy Policy
Voceditalia Top
Voceditalia Top
Logo Voce d'Italia
Voceditalia Top
Politica
Foto Stadio Roma divide M5S: la Lombardi spara a zero

Grillo ai suoi: ‘Non decidono i parlamentari’

Stadio Roma divide M5S: la Lombardi spara a zero

La deputata grillina attacca il mega impianto: ‘Una speculazione immobiliare’

Roma - Il progetto dello Stadio della Roma di Tor di Valle, più di qualunque altra cosa da tre anni a questa parte, sta seriamente mettendo in crisi l'unità del Movimento Cinque Stelle. Ieri Grillo ha bacchettato gli attivisti romani del Tavolo dell'Urbanistica; oggi parte l’artiglieria pesante: Roberta Lombardi in un post pubblicato alle 8.30 di mattina su Facebook si scaglia contro lo Stadio e, poco dopo, Grillo le riserva una frustata come mai prima: "Pensi al suo lavoro" (frase molto simile a quella della Raggi all'indomani della lettera aperta di Berdini sul Fatto Quotidiano).

“Sullo stadio della Roma decidono la Giunta e i consiglieri. I parlamentari pensino al loro lavoro”. Così commenta con un duro post sul blog Beppe Grillo, dopo che questa mattina la deputata M5S, Roberta Lombardi, aveva lanciato il suo monito per annullare la delibera comunale e evitare la “colata di cemento”.  

Già ieri il blog aveva «zittito» il coordinatore del tavolo urbanistica del M5s Roma, Francesco Sanvitto, anche lui favorevole ad un annullamento della delibera comunale che sancisce il pubblico interesse per il progetto dello stadio. “Per le questioni inerenti le amministrazioni guidate dal MoVimento 5 Stelle gli unici titolati a parlare, in nome e per conto del M5S, sono gli eletti. Chiunque altro si esprime solo a titolo personale e come tale devono essere prese le sue dichiarazioni”, scriveva il blog.  

Ebbene, la Lombardi è eletta, quindi dovrebbe essere titolata a parlare. E ci dà dentro, scrivendo su Facebooki: "Non ci sto a vedere Roma martoriata per soddisfare la volontà di qualche imprenditore. Bisogna annullare subito la delibera che stabilisce la pubblica utilità. Mi auguro che l'amministrazione capitolina faccia la scelta giusta e chieda al proponente di avanzare dunque un nuovo progetto che rispetti la legge e la Capitale".  

E tanti saluti al diritto, al rischio causa – ricordato giusto poche ore prima dal sindaco Raggi – e anche al ruolo di pontieri che i due più forti "lombardiani" del Consiglio comunale, il presidente dell'Aula Marcello De Vito e il capogruppo Paolo Ferrara, stanno svolgendo da quasi 4 mesi a questa parte.

R.R.
17/2/2017








Commenti a questo articolo (0)


Nessun commento attualmente inserito

Commenta questo articolo

Nome:
E-mail:
Titolo:
Commento:


Condizioni del servizio e Informativa
ex art. 13 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Scaricala in PDF)
              Accetto - Non accetto       

Note:
-Si prega di inserire solo commenti riguardanti l'argomento dell'articolo.
-E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.





Youtube TVoce


«"La Voce d'Italia" Il 1° quotidiano indipendente online fondato e diretto da Marco Marsili. Vicedirettore Anna Belardi. Caporedattore centrale Daniele Orlandi. Responsabile TVoce Jonathan Minimo . Editore e proprietario: Elimar Srl, via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy - CF/P. IVA 06355480960 - REA MI 1886850. Direzione, redazione e luogo di stampa: via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy. Iscr. Tribunale di Milano n. 215 del 28.3.2006. Contatti: - Advertising: - tel. 0239620017-0287156229 fax 0270030075. Anno VII Copyright © 2007/2014 Elimar Srl. Responsabile trattamento dei dati (D.Lgs. 196/2003): il direttore responsabile pro tempore. Tutti i diritti sono riservati sensi della normativa vigente (lda 633/41). La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo, di tutto il materiale originale contenuto in questo sito (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i testi, le immagini, le elaborazioni grafiche, i video) è espressamente vietata in assenza di autorizzazione scritta.