Voceditalia Top la Voce d'Italia - nuova edizione anno V n.207 del 7/26/2017 Privacy Policy
Voceditalia Top
Voceditalia Top
Logo Voce d'Italia
Voceditalia Top
Sport
Foto Il Dream Team perde ma si batte con onore contro i Warriors

Sport disabili - Wheelchair hockey: Serie A1, Girone A

Il Dream Team perde ma si batte con onore contro i Warriors

Milanesi in formazione d’emergenza, sconfitti 12-4 dalla formazione di Viadana

Sabbioneta (Mantova) – Il Dream Team si reca nel mantovano per incontrare i Warriors Viadana dovendo lasciare a casa il giovane stick Masini e, proprio alla vigila del match per un attacco febbrile, uno dei suoi punti di forza, la mazza Ghislotti.

Va detto subito che i gialloneri, pur nell’emergenza che va a intaccare un organico già ridotto, hanno saputo fornire una prova più che dignitosa, opponendosi con grinta e unità di squadra a un avversario che poteva schierare 3 mazze, contro il solo La Cara sul fronte Dream Team.

Da parte sua, il numero 20 milanese non si è tirato indietro, ben supportato dalla pattuglia dei suoi stick.
Tra questi, hanno brillato Ale Bruno e Momo Baidi, entrambi autori di un gran pressing sulle mazze avversarie e inoltre particolarmente attenti l’uno alla difesa e l’altro a portare i blocchi per il suo attaccante. Buone prestazioni anche per gli altri stick: Sportelli, che ha alternato nel corso del match il ruolo di difensore a quello di portiere, e il duo Orbai–Fumagalli che ha saputo assicurare dignitosi cambi per consentire ai compagni di rifiatare.

La Cara ha impreziosito la sua prestazione segnando 4 gol, almeno 2 dei quali di notevole fattura. Apprezzabile il suo apporto anche in difesa, seppure a fasi alterne. Ma del resto il bomber di giornata giallonero doveva cantare e portare la croce…alias tenere palla il più possibile, per poi saper cogliere ogni possibile spiraglio per effettuare tiri che non risultassero semplici regali di palla alla difesa ospite (ben presidiata da capitan Merlino).

Impresa che le tre mazze mantovane, Cappellazzo, Marotta e Camponesco rendevano assai ardua nei primi 2 quarti che, anche a causa di un inizio di gara un po’ sottotono del portiere Rutigliano, si chiudevano con il risultato abbastanza sconfortante di 9-1.

La seconda metà di gara vedeva ll Dream Team andar via via ritrovandosi,
con grinta, impegno e anche una più puntuale applicazione dei dettami tattici del tecnico Ilkka. Tecnico che, insieme al suo vice R. Sportelli, concedeva la meritata ribalta all’arrembante Baidi, concedendogli nel finale la fascia di capitano dopo l’uscita del titolare Bruno. Negli ultimi 2 quarti per il Dream Team arrivavano altri 3 gol e anche i complimenti degli avversari a fine partita.

Strano momento, quello che sta vivendo il Dream Team: è la seconda partita, dopo quella contro gli Sharks di Monza, che la squadra gioca bene e riceve elogi, pur perdendo nettamente entrambe le sfide.

Tornando a quest’ultimo impegno, occorre sottolineare che nel wheelchair hockey moderno è ormai quasi impossibile che una squadra con una sola mazza possa competere contro avversari che ne schierano 2 o addirittura 3. A meno, beninteso, di chiamarsi Coco Loco Padova e di schierare tra le proprie fila un campione del calibro di Farcasel. E proprio i pluriscudettati campioni padovani, sarà chiamata a incontrare la squadra giallonera nel prossimo turno di campionato, in programma sabato 11 marzo (palestra di via Natta 11, alle ore 14).

Ma se è vero che un giocatore non diventerà mai un campione se non è lui il primo a credere in se stesso, è altrettanto vero che una squadra non diventerà mai vincente se non imparerà a ragionare come un corpo unico, formato da tante diverse parti ma con una stessa, uniforme, identità. E il Dream Team, per gli incoraggianti segnali che sta lanciando, merita tutto il sostegno dei propri tifosi già dal prossimo, apparentemente proibitivo, impegno.

Riccardo Rutigliano
8/3/2017








Commenti a questo articolo (0)


Nessun commento attualmente inserito

Commenta questo articolo

Nome:
E-mail:
Titolo:
Commento:


Condizioni del servizio e Informativa
ex art. 13 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Scaricala in PDF)
              Accetto - Non accetto       

Note:
-Si prega di inserire solo commenti riguardanti l'argomento dell'articolo.
-E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.





Youtube TVoce


«"La Voce d'Italia" Il 1° quotidiano indipendente online fondato e diretto da Marco Marsili. Vicedirettore Anna Belardi. Caporedattore centrale Daniele Orlandi. Responsabile TVoce Jonathan Minimo . Editore e proprietario: Elimar Srl, via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy - CF/P. IVA 06355480960 - REA MI 1886850. Direzione, redazione e luogo di stampa: via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy. Iscr. Tribunale di Milano n. 215 del 28.3.2006. Contatti: - Advertising: - tel. 0239620017-0287156229 fax 0270030075. Anno VII Copyright © 2007/2014 Elimar Srl. Responsabile trattamento dei dati (D.Lgs. 196/2003): il direttore responsabile pro tempore. Tutti i diritti sono riservati sensi della normativa vigente (lda 633/41). La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo, di tutto il materiale originale contenuto in questo sito (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i testi, le immagini, le elaborazioni grafiche, i video) è espressamente vietata in assenza di autorizzazione scritta.