Voceditalia Top la Voce d'Italia - nuova edizione anno V n.143 del 5/23/2017 Privacy Policy
Voceditalia Top
Voceditalia Top
Logo Voce d'Italia
Voceditalia Top
Cronache
Foto Matteo Salvini e Giorgia Meloni non hanno candidati alle amministrative del sud

I Sovranisti urlano ma non presentano liste, Noi con Salvini e Fdi quasi inesistenti

Matteo Salvini e Giorgia Meloni non hanno candidati alle amministrative del sud

Salvini ha stravinto le primarie ma forse non servivano, al sud NcS e' inesistente

Sara' una presenza a macchia di leopardo in Campania quella dei partiti “sovranisti” alle elezioni amministrative, fissate per il prossimo 11 giugno. Il voto interessera' 88 comuni, una quindicina con popolazione superiore ai 15mila abitanti. Benche' nessun capoluogo di provincia sia chiamato al rinnovo dell’amministrazione comunale, quello di giugno non puo' certo essere considerato un test elettorale secondario, visti i numeri e l’importanza di alcuni comuni, in particolar modo in provincia di Napoli, chiamati alle urne. In questo scenario il fronte dei partiti “sovranisti” non solo si presenta in ordine sparso, ma anche a macchia di leopardo sul territorio. Particolarmente significativa, sotto il profilo politico, la presenza quasi evanescente di Noi con Salvini: quella che avrebbe dovuto essere la costola meridionale della Lega appare sempre piu' avvitata in una spirale discendente. A poco ha giovato anche la contestata visita, con annesso comizio, di Matteo Salvini a Napoli nei mesi scorsi. I numeri sono impietosi: Noi con Salvini in Campania riesce a presentare il proprio simbolo solo in tre comuni con piu' di 15mila abitanti. Ed in un caso la lista viene respinta. Ad Acerra, nel napoletano, il mancato rispetto della proporzione tra candidati dei due sessi ha infatti portato al respingimento della lista che sosteneva la candidatura a primo cittadino di Attilio Panagrosso. I rappresentanti di Noi con Salvini hanno presentato ricorso contro l’esclusione, ma le probabilita' di una riammissione alla competizione elettorale appaiono, in verita', estremamente ridotte. Meglio e' andata a Mondragone, in provincia di Caserta, ed a Nocera Inferiore, in provincia di Salerno. Qui Noi con Salvini e' riuscita a presentare liste che sostengono propri candidati a sindaco. Rispettivamente Raffaele Pero e Domenico Fimiani. Un bottino, invero, non particolarmente ricco per un movimento che puntava ad accreditarsi some ala destra della coalizione di centrodestra. Cosa dire della Puglia? Nulla di diverso dalla Campania. NcS sembra una macchina senza ruote, non riesce a partire e dopo il grande entusiasmo ormai i militanti fuggono per la delusione. I sondaggi sulla persona di Matteo Salvini sono sempre ottimi ma i suoi referenti territoriali, sembra proprio non riescano a costruire nulla. A Lecce e' stata presentata la lista ma il merito e' di Fitto, poi i comuni di Santeramo e Martinafranca per un totale di 55 comuni. Un po’ pochino. Ma non e' finita, in Puglia scoppia lo scandalo della violenza su una ragazza perpetrata da un immigrato, in realta' sembra sia una bufala coniata e rilanciata da un militante di NcS. Nel Lazio le cose non vanno meglio e se a Roma alle amministrative almeno la lista era presente il resto della regione e' evanescente e senza una dirigenza competente tanto che in provincia di Latina, un dirigente di Noi con Salvini, ha fatto saltare un incontro con l’onorevole Rondini della Lega Nord. Ma e' in generale tutta l’area “sovranista” a non giungere all’appuntamento elettorale di giugno in maniera particolarmente organizzata: Fdi presenta le proprie liste solo in alcuni comuni, puntando in altre realta' su liste civiche d’area. Ancora diversa, invece, la , la strategia scelta in Campania dal Movimento Nazionale per la Sovranita', la formazione politica nata su iniziativa di Francesco Storace e Gianni Alemanno. Dopo aver celebrato a Napoli l’assemblea organizzativa per il Mezzogiorno lo scorso aprile, Mns ha deciso di non presentare liste di partito, piuttosto di candidare propri esponenti all’interno di aggregazioni civiche. Cult
19/5/2017








Commenti a questo articolo (0)


Nessun commento attualmente inserito

Commenta questo articolo

Nome:
E-mail:
Titolo:
Commento:


Condizioni del servizio e Informativa
ex art. 13 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Scaricala in PDF)
              Accetto - Non accetto       

Note:
-Si prega di inserire solo commenti riguardanti l'argomento dell'articolo.
-E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.





Youtube TVoce


«"La Voce d'Italia" Il 1° quotidiano indipendente online fondato e diretto da Marco Marsili. Vicedirettore Anna Belardi. Caporedattore centrale Daniele Orlandi. Responsabile TVoce Jonathan Minimo . Editore e proprietario: Elimar Srl, via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy - CF/P. IVA 06355480960 - REA MI 1886850. Direzione, redazione e luogo di stampa: via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy. Iscr. Tribunale di Milano n. 215 del 28.3.2006. Contatti: - Advertising: - tel. 0239620017-0287156229 fax 0270030075. Anno VII Copyright © 2007/2014 Elimar Srl. Responsabile trattamento dei dati (D.Lgs. 196/2003): il direttore responsabile pro tempore. Tutti i diritti sono riservati sensi della normativa vigente (lda 633/41). La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo, di tutto il materiale originale contenuto in questo sito (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i testi, le immagini, le elaborazioni grafiche, i video) è espressamente vietata in assenza di autorizzazione scritta.