Voceditalia Top la Voce d'Italia - nuova edizione anno V n.292 del 10/19/2017 Privacy Policy
Voceditalia Top
Voceditalia Top
Logo Voce d'Italia
Voceditalia Top
Spettacolo
Foto Herreweghe illumina il 'Vespro' di Monteverdi

Il Festival delle Crete Senesi

Herreweghe illumina il 'Vespro' di Monteverdi

Nella Chiesa di Sant'Anna in Camprena grande successo per l'esecuzione del Vespro della Beata Vergine

La punta di diamante della diciassettesima edizione del Festival delle Crete Senesi era senza dubbio l’esecuzione del Vespro della Beata Vergine di Claudio Monteverdi eseguito dall’Ensemble Vocale Gent sotto la guida di Philippe Herreweghe che del complesso è fondatore e direttore artistico, avvenuta il 10 agosto scorso nella straordinaria cornice dell’Abbazia di Sant’Anna in Camprena e dell’attigua chiesa, concerto inserito nel ricco programma per ricordare il nostro grande musicista a 450 anni dalla nascita.

Ascoltare una esecuzione di questo grande capolavoro della Storia della Musica non è, purtroppo, molto frequente e, quindi occorre innanzitutto ringraziare gli organizzatori per averci dato la possibilità di ascoltare questa straordinaria composizione.

Nel 1610, tre anni dopo la composizione dell’Orfeo, Monteverdi fece stampare a Venezia alcune composizioni sacre tra le quali la messa "in Illo tempore" ed il “Vespro della beata Vergine”. Una copia la dedicò espressamente al Papa Paolo V e volle personalmente consegnarla al pontefice intraprendendo nell’ottobre dello stesso anno un viaggio a Roma. Una iniziativa orientata, forse, a proporsi per un possibile incarico musicale in Vaticano. La storia, come sappiamo non andò così mentre, ad oggi, non è ancora conosciuto il luogo della prima esecuzione.

Il Vespro il cui titolo esatto è "Vespro della Beata Vergine da concerto composto sopra canti fermi sex vocibus et sex instrumentis" è una opera monumentale; si compone infatti di dodici parti, ed è considerato uno dei punti più alti della musica sacra anche se il musicista ha utilizzato alcune parti non appartenenti specificatamente al rito liturgico del Vespro per la festa della Beata Vergine, la si può considerare di non stretta osservanza chiesastica.

La parte strumentale originale è costituita da un organo, tre cornetti, due tromboni, un trombone doppio, due e a volte tre viole da brazzo, un contrabbasso da gamba e in alcune battute del Magnificat da due fifare e due flauti. Ma la cosa che sorprende è l’abilità di Monteverdi nel riuscire a fondere l’essenzialità del Canto Gregoriano con una parte polifonica di grande spessore così come contrapporre declamato e virtuosismo nella parte squisitamente vocale ed esibire brani ad una, due, tre a sei voci e concertati, il tutto utilizzato per ottenere una teatralità che ci conduce ad un Monteverdi grande sperimentatore, un vero genio assoluto padre dell’opera lirica che avrà l’Italia come ideale culla.

L’esecuzione ascoltata è stata intensa, riuscendo a mettere in risalto quelle doti drammatiche insite nella musica della quali abbiamo prima accennato, per certi versi scintillante quanto a chiarezza di emissione di suoni degli strumenti e della vocalità dei  cantanti, il tutto plasmato con sicurezza e abilità direttoriale da Philippe Herreweghe dimostrando ancora una volta di essere musicista di grande spessore offrendoci una prova esemplare sotto tutti gli aspetti che evidenzia con trascinante forza la monumentalità dell'opera, riuscendo anche nell’impresa di far entrare in simbiosi le forme musicali alla struttura architettonica della chiesa di Sant’Anna in Camprena per una suggestione quasi ‘catartica’ che ha rapito tutti gli spettatori presenti.

Il Collegium Vocale Gent e tutto l’Ensemble hanno seguito tutte le indicazioni di Herreweghe risultando ‘partners’ ideali per la riuscita della serata assieme ai solisti vocali tutti a proprio agio nella difficile realizzazione della linea vocale monteverdiana, nello specifico Dorothee Mields e Barbora Kabátková (soprani), William Knight, Benedict Hymas, Samuel Boden, Reinoud Van Mechelen (tenori), Peter Kooij (Baritono) e Wolf Matthias Friedrich (basso).

Il pubblico che la sera del 10 agosto ha esaurito i posti disponibili presso la Chiesa di Sant’Anna in Camprena ha tributato al termine del concerto una trionfale ovazione diretta a tutti gli interpreti ed in special modo a Philippe Herreweghe; per lui un doveroso omaggio per i suoi settanta anni compiuti quest’anno. Un artista che abbiamo sempre apprezzato per la sua competenza e la sua lucidità nell’interpretare la musica eseguita, una personalità che risiede negli alti vertici dell’interpretazione musicale.



Claudio Listanti
claudio.listanti@voceditalia.it
Nella foto un momento del concerto del 10 agosto 2017 presso l'Abbazia di Sant'Anna in Camprena. Direttoro Philippe Herreweghe. (Copyright Jules august photography)
12/8/2017








Commenti a questo articolo (0)


Nessun commento attualmente inserito

Commenta questo articolo

Nome:
E-mail:
Titolo:
Commento:


Condizioni del servizio e Informativa
ex art. 13 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Scaricala in PDF)
              Accetto - Non accetto       

Note:
-Si prega di inserire solo commenti riguardanti l'argomento dell'articolo.
-E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.






Youtube TVoce


«"La Voce d'Italia" Il 1° quotidiano indipendente online fondato e diretto da Marco Marsili. Vicedirettore Anna Belardi. Caporedattore centrale Daniele Orlandi. Responsabile TVoce Jonathan Minimo . Editore e proprietario: Elimar Srl, via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy - CF/P. IVA 06355480960 - REA MI 1886850. Direzione, redazione e luogo di stampa: via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy. Iscr. Tribunale di Milano n. 215 del 28.3.2006. Contatti: - Advertising: - tel. 0239620017-0287156229 fax 0270030075. Anno VII Copyright © 2007/2014 Elimar Srl. Responsabile trattamento dei dati (D.Lgs. 196/2003): il direttore responsabile pro tempore. Tutti i diritti sono riservati sensi della normativa vigente (lda 633/41). La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo, di tutto il materiale originale contenuto in questo sito (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i testi, le immagini, le elaborazioni grafiche, i video) è espressamente vietata in assenza di autorizzazione scritta.