Voceditalia Top la Voce d'Italia - nuova edizione anno V n.263 del 9/20/2017 Privacy Policy
Voceditalia Top
Voceditalia Top
Logo Voce d'Italia
Voceditalia Top
Focus
Foto Sovranita' e Identita', le sfide del terzo millennio

Oltre la destra e la sinistra, sovranisti del terzo millennio. Da Salvini a Grillo

Sovranita' e Identita', le sfide del terzo millennio

Romanzo e documento di idee a sostegno della tesi comunitarista

Se il movimento 5 stelle parla di superamento di destra e sinistra e' anche vero che lo stesso concetto lo interpreta in modo differente Matteo Salvini con la sua nuova Lega Nord. Noi ne abbiamo parlato con Fabrizio Fratus autore del libro “oltre la destra e la sinistra, sovranisti nel nuovo millennio”

Nel terzo millennio si ridisegnano le posizioni ideologiche e destra e sinistra sono destinate a scomparire?

Non ho idea se si riuscira' a passare oltre al concetto di destra e sinistra, certo e' che questo schema politico serve a dividere facendo in modo che il vero potere agisca realmente e senza condizionamenti.
In ambito politico destra e sinistra richiamano a ben precise posizioni ideologiche, anche oggi e' possibile riscontrare queste differenze e quindi comprendere a quale degli schieramenti una persona fa parte, non e' d’accordo?

Io credo che destra e sinistra servano per dividere, dalla fine della seconda guerra mondiale si e' tenuta la societa' ben divisa e in eterna “lotta” tra destra e sinistra: abbiamo avuto antifascismo e anticomunismo, poi per vent’anni siamo passati a berlusconimo e antiberlusconimo. Ora siamo in una fase di transizione. Cosa vuol dire essere di sinistra oggi? Sugli immigrati Matteo Renzi segretario del maggior partito di centrosinistra sostiene le posizioni che sino a ieri erano identificate di destra: aiutarli a casa loro. Questa posizione e' invece di buon senso, non e' di destra e non e' di sinistra. In ambito del lavoro in teoria la sinistra dovrebbe difendere i diritti mentre noi abbiamo visto in tutta Europa che le masse dei lavoratori si spostano verso i partiti che vengono identificati come destra. Sono due esempi, ma se ne possono fare molti altri. Le divisioni basate su schemi destra e sinistra servono a tenere i cittadini divisi.

Seguendo il suo ragionamento oggi non sarebbe possibile identificare le posizioni ideologiche di appartenenza in uno schema destra e sinistra? Ma allora come si dovrebbero identificare?

Ragionando in modo semplicistico credo che in passato chi era di sinistra credeva nell’uguaglianza formale e nel ridistribuzione della ricchezza tramite il lavoro. Mentre chi era di destra aveva una visione piu' individualista fatta di poche regole ma ben definite. Oggi possiamo dire che la sinistra difende il lavoro? No. Le leggi promosse sul lavoro dal governo di centro sinistra hanno pure abolito l’art. 18. Possiamo dire che chi si definisce di destra e' individualista? No, l’individualismo ha vinto e sia una persona che si definisce di destra come di sinistra vive in una logica individuale, cioe' fa scelte per interesse specificatamente personale. La dicotomia moderna e' tra chi ha una idea di mondo basata sul materialismo e chi e' un idealista.

La dicotomia materialismo/idealismo esiste da sempre, non appartiene alla post-modernita', come fa a sostenere questo tipo di divisione, non e' meglio come dicono Salvini e la Le Pen: il popolo contro le e'lite?

Certamente la dicotomia materialismo/idealismo esiste da sempre, ma esisteva nel campo della filosofia, il dibattito era in quel contesto scientifico. Non certamente in quello politico. Oggi, al contrario, andrebbe affrontato politicamente. Faccio un esempio: se si stabilisse a livello di partiti cosa e' la “vita” gli schiarimenti sarebbero ben chiari; un cristiano non potrebbe mai stare in un partito di tipo materialista. La divisione popolo e e'lite, a mio avviso, e' errata. Quando si parla di e'lite si deve definire di che tipo di e'lite.

Nel libro “oltre la destra e la sinistra” indica la Lega Nord come un possibile superamento della dicotomia destra e sinistra, perche' non il movimento 5 stelle?

Il movimento di Matteo Salvini ha un progetto definito su un’idea ben precisa che affonda nella tradizione europea ed e' rintracciabile nel sacro romano impero. E’ un modello federale dove i popoli si autogovernano ma convivono in modo pacifico tra loro in uno stato democratico federato. Il modello del movimento 5 stelle e' indefinibile, vi sono diverse idee che andrebbero sviluppate, attualizzate e soprattutto organizzate in un progetto organico di societa'.
31/8/2017








Commenti a questo articolo (0)


Nessun commento attualmente inserito

Commenta questo articolo

Nome:
E-mail:
Titolo:
Commento:


Condizioni del servizio e Informativa
ex art. 13 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Scaricala in PDF)
              Accetto - Non accetto       

Note:
-Si prega di inserire solo commenti riguardanti l'argomento dell'articolo.
-E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.





Youtube TVoce


«"La Voce d'Italia" Il 1° quotidiano indipendente online fondato e diretto da Marco Marsili. Vicedirettore Anna Belardi. Caporedattore centrale Daniele Orlandi. Responsabile TVoce Jonathan Minimo . Editore e proprietario: Elimar Srl, via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy - CF/P. IVA 06355480960 - REA MI 1886850. Direzione, redazione e luogo di stampa: via Ponte Seveso 35, 20125 Milano (MI), Italy. Iscr. Tribunale di Milano n. 215 del 28.3.2006. Contatti: - Advertising: - tel. 0239620017-0287156229 fax 0270030075. Anno VII Copyright © 2007/2014 Elimar Srl. Responsabile trattamento dei dati (D.Lgs. 196/2003): il direttore responsabile pro tempore. Tutti i diritti sono riservati sensi della normativa vigente (lda 633/41). La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo, di tutto il materiale originale contenuto in questo sito (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i testi, le immagini, le elaborazioni grafiche, i video) è espressamente vietata in assenza di autorizzazione scritta.